BOLETTO - BOLETTONE

Traversata Boletto-Bolettone - Domenica 18 Marzo 2018

Località di partenza: Alpe del Viceré (903m)

Dislivello: 530 m

Difficoltà: E

Descrizione dell'itinerario:

Partendo dall'Alpe del Vicerè, bella località a 900 metri d'altezza, meta domenicale di molte famiglie brianzole, si può effettuare un bel giro ad anello attraverso i boschi di queste dolci montagne e lungo la bella dorsale dei Monti Boletto e Bolettone. Dai loro nomi, si capisce subito che appartengono alla stessa dorsale montuosa, e che il Bolettone (1317 metri), orgoglioso dell'accrescitivo che caratterizza il suo nome, si spinge un po' più in alto rispetto al fratello minore, il Boletto (1236 metri).

L'itinerario parte dal lembo orientale dell'Alpe del Vicerè; seguendo le indicazioni per il Boletto e per la Baita Patrizi, andiamo ad imboccare un bel sentiero, molto largo e inzialmente in leggera discesa. In circa 30 minuti perveniamo alla radura che ospita la Baita Patrizi (o Rifugio Brigata Patrizi).

Proseguiamo, ora in salita, prestando attenzione alle deviazioni, comunque sempre ben segnalate; la vegetazione si fa via via più rada, donandoci prima un luminoso bosco di betulle, quindi ampi prati soleggiati che ci concedono di allungare la vista sulla Pianura Padana dietro di noi. In compagnia dei costoni erbosi del Bolettone, sulla destra, e del Boletto, sulla sinistra, perveniamo alla Bocchetta di Molina, dove finalmente possiamo affacciarci sul Lago di Como.

Pieghiamo a sinistra e risaliamo la dorsale erbosa, lambita sulla destra dai boschi che ne rivestono il versante Nord. In una trentina di minuti di piacevole cammino, giungiamo sull'ampio cappello sommitale del Monte Boletto. Il panorama si apre qui su buona parte del ramo di Como e, naturalmente, sull'estensione illimitata della Pianura Padana.

Ci tocca ora di conquistare il fratello maggiore, il Monte Bolettone, ascesa molto piacevole e panoramica: è sufficiente percorrere, ora in direzione opposta, tutta la dorsale erbosa, dapprima in discesa fino alla Bocchetta di Molina, quindi in salita sostenuta fino alla croce di vetta del Bolettone.

La discesa dal Bolettone è da compiersi lungo la bella sterrata che serve il rifugio: essa dapprima discende con un paio di tornanti i panoramici pendii erbosi del monte, quindi si getta nel bosco per uscirne solo nei pressi dell'Alpe del Vicerè, dove andiamo a riprendere l'automobile.

Fonte: http://www.orsu.it/000-0OR/triangolo_lariano_monte_boletto_bolettone.html

Iscrizioni in sede entro Giovedì 15 Marzo