GRIGNA MERIDIONALE - SENTIERO DELLA DIRETTISSIMA

ESCURSIONE ANNULLATA CAUSA MALTEMPO

Località di partenza: Rifugio Carlo Porta (1427 m)

Dislivello: 1050 m

Tempo di salita: 3:30 h

Difficoltà: EE/EEA

Descrizione itinerario:

Dietro al rifugio Carlo Porta seguire il sentiero n. 8 per la "Direttissima". Dopo pochi minuti si arriva alla base del Canalone Caimi che si lascia sulla destra, fino a che ad un certo punto non ci si imbatte nel primo facile tratto protetto da un cavo metallico dove inizia la parte attrezzata. Dopo il primo facile tratto, segue un traverso pianeggiante su una placca verticale povera di appligli e di appoggi per i piedi. La placca ci porta all'interno di un profondo canalone che, una volta attraversato, permette di entrare nel caminetto Pagani grazie ad una coppia di scalette, la prima delle quali inizia strapiombante per poi divenire verticale. La seconda scaletta porta direttamente nello strettissimo passaggio del caminetto. Usciti dal camino si prosegue su terreno più facile, sfruttando una comoda cengia che in breve conducead un primo intaglio dal quale si scende per qualche decina di metri di dislivello. Si compie poi un lungo tratto sempre in cengia con leggeri saliscendi fino ad una selletta sulla cui sinistra si innalzano alcune torrette e pinnacoli uno dei quali caratterizzato da pareti solcate da profonde incisioni di tipo quasi granitico.

Avanti ancora fino all'intaglio successivo dove una palina indica verso sinistra i pinnacoli del Fungo, la Torre, la Lancia, il Campaniletto e Torre Maria. Si arriva in seguito alla base del Canalone Angelina e qui un'altra palina invita a proseguire dritti verso il Colle Valsecchi (sentiero 8). Giunti ai piedi di un ampio canale, lo si risale rimanendone sulla sinistra, dove sono presenti delle catene, seguendo una specie di parete appoggiata lateralmente. Al termine di questo tratto, con alcuni tornantini si arriva al Colle Valsecchi (1898 Mt.; meno di 2 ore dalla partenza). Da qui si segue a destra, ignorando le frecce per altre direzioni. Dopo pochi metri una seconda palina invita a proseguire a sinistra, verso la Val Scarlettone (sentiero n. 11) ed il Canalino Federazione. Verso destra, invece, si trova l'attacco della Cresta Segantini.

Inizia ora un tratto più cupo del percorso, tra pareti incombenti e stretti intagli, sempre con numerosi punti attrezzati ma mai difficili. Dopo qualche minuto si inizia a percorrere un lungo e comodo sentiero in falsopiano, ghiaioso e in una zona molto aperta. In breve si arriva nell'ampia Val Scarlettone, dominata al centro da un bel ghiaione. La si attraversa e,  dopo una breve serie di ripidi tornanti sassosi, ci si porta sotto il suo lato opposto dove, con un ripido tratto attrezzato, si sale verso la Bocchetta del Giardino (2004 Mt.; 45 minuti dal Colle Valsecchi). Dalla bocchetta si prende a destra la facile Cresta Sinigaglia che in pochi minuti ci conduce alla base del Canalino Federazione. Numerosi bolli rossi indicano la via migliore per la risalita di questo stretto canale roccioso che presenta un paio di bei passaggi rocciosi (facilitati da catene) a metà della sua lunghezza. Al suo culmine, ignorando le direzioni indicate dalla palina (Canalone Porta, Traversata Alta e Piani dei Resinelli), si prosegue verso destra. Si sale una bella paretina con catene per poi scendere ad un profondo intaglio, dal quale con un ultimo tratto facilitato da catene si arriva alla vetta della Grigna Meridionale. Ampissimo il panorama che si può godere dalla vetta nelle giornate limpide.


Discesa
Dalla vetta si inizia a scendere lungo facile cresta Cermenati. Un paio di gradini rocciosi con catene e ci si trova a percorrere un ripido valloncello pietroso. Numerosi tornantini piuttosto scivolosi e sdrucciolevoli conducono velocemente all'inizio vero e proprio della cresta. Poco prima di questa una palina indica a destra il Sentiero Cecilia n° 10. Si abbandona quindi la Cermenati e si ritorna nel bel mondo di roccia della Grignetta. Subito il sentiero diviene più impervio, con saltelli rocciosi e gradini instabili. Arrivati sul fondo di un vallone, si attraversa un facile canale pietroso e si sale il lato opposto all'interno di uno stretto camino dove alcune catene indicano la via (15' dalla Cermenati). Al suo culmine si apre davanti a noi un bellissimo scenario di guglie e torri. Percorriamo con attenzione una cengia e scendiamo nel centro di questo anfiteatro naturale. Una palina ci segnala che siamo sul Sentiero Cecilia (30' dalla Cermenati). Dalla palina, si abbandona il Cecilia e si scende verso sinistra nel Canale Angelina. Guardando in basso si vede la splendida sagoma del gruppo del Fungo. Man mano si scende, il percorso si fa sempre più severo. Alzando lo sguardo si ammirano le ardite forme dell'Ago Teresita e della Guglia Angelina. In un paio di punti si devono scendere in arrampicata delle facili placche appoggiate (sempre presenti delle catene), soprattutto una placchetta verso al fine vi impegnerà non poco se non utilizzerete la catena posta al suo centro. Dopo di questa, un'ultima grande placca più appoggiata che termina con un paio di staffe in ferro, segna il termine delle difficoltà. Ancora una decina di metri di sentierino e ci si trova al termine del canale (20-25' dal suo inizio), dove una palina ci dice dove ci troviamo (1730 Mt.) e la direzione per alcuni gruppi con le vie di arrampicata, tra cui il Pilone Centrale. Da qui, andando verso sinistra si torna a calcare il percorso fatto in mattinata durante la salita ed in circa 1 ora abbondante si torna all'auto.

fonte: http://www.sassbaloss.com/pagine/uscite/grignetta1/grignetta1.htm